Catania, Italia – Fotografie: 2006-2011

Massimo Cristaldi Mostre Lascia un Commento

Invito

Dopo le ultime mostre in Belgio, Stati Uniti e Francia è un piacere invitarvi alla mostra personale nella mia città, Catania. La mostra, curata da Pippo Pappalardo, inizierà con il vernissage Venerdì 16 Dicembre alle 18.00 e si concluderà il 7 Gennaio 2012. La mostra si terrà nei locali della Galleria L’Arte Club, via di San Giuliano 200, 95131 – Catania.

Esporrò fotografie di Refinery Flocks, Simulacra, Insulae, Impressions of New York City e dell’ultimo lavoro, Suspended. La maggior parte dei lavori sono 150×100 cm stampati su carta d’archivio con inchiostri a pigmenti e montate in Dibond o Diasec.

Il volantino della mostra può essere scaricato in PDF. Se volete pregustare alcune delle fotografie che saranno esposte potete fare click qui.

Si prega di confermare la propria presenza al vernissage compilando il modulo qui accanto o partecipando all’evento su Facebook.

Fotografie: 2006-2011
Inaugurazione: Venerdì 16 Dicembre 2011 ore 18.00
Dal 16 Dicembre 2011 al 7 Gennaio 2012
Ogni giorno dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00
e su appuntamento
A cura di Pippo Pappalardo

Comunicato Stampa

Foglio di Mostra

Dentro e Attraverso

La pratica fotografica da qualche tempo marcia in più direzioni ponendosi essa stessa come pretesto di un’ulteriore riflessione sui nuovi percorsi dell’arte contemporanea. Dopo l’avventura dello sguardo praticata a seguito della lezione di Duchamp e dopo l’esperienza, tutta e ancora da rivalutare e riproporre di Luigi Ghirri, la riflessione sullo sguardo che incontra il reale che ci circonda e con il medesimo si propone di dialogare e confrontarsi, è stata affidata, quasi come una missione, alla fotografia, questo straordinario self-media, assai duttile e congeniale per i nostri tempi sempre più caratterizzati da rapidissimi quanto anonimi incontri.
Il “buon” fotografo oggi è appunto colui che oppone la ripresa fotografica a questa velocità della visione e risolutamente propone di farla uscire dal suo anonimato facendola assurgere a quello che, in effetti, è. ovvero un’occasione per scrutarvi dentro, alla ricerca di un simbolo, di un segno, di un indice con il quale riprendere il dialogo da tempo interrotto.
Come delle epifanie, pertanto, si propongono a noi le fotografie di Massimo Cristaldi, cercate e realizzate secondo un criterio disegnato dalla passione e dallo stupore dell’incontro. A volte sono simulacri di un sentimento religioso che affiora là dove meno te lo aspetti e ancor carico di accidenti di storia e di accadimenti; a volte sono dinamiche apparizioni sulle quali moderni aruspici riescono ancora a cogliere analogie ed equivalenti; a volte sono radiografie notturne laddove le luci dell’uomo raccontano la celata sopravvivenza della sua umanità camuffata nella sua stanchezza; a volte sono momenti di storia che crediamo di avere comodamente racchiuso dietro le grate della visione; a volte sono misteriose geometrie che polisemicamente ci mandano, meglio, ci restituiscono messaggi che parlano pur sempre di noi e dei nostri giorni.
Queste immagini, qui ed adesso, si oppongono al nichilismo verso il quale ci spinge una certa filosofia della visione e, frutto come sono di meditazione e riflessione, ci invitano ad andare oltre la loro mera apparenza e, magari, grazie ai piccoli accidenti sorpresi dal fotografo, confidano di riformulare una nuova visione che da questo reale prenda le mosse per scoprire l’orizzonte dei nuovi spazi dove intendiamo penetrare. Dentro l’immagine, finalmente, trovata attraverso la medesima, speriamo allora di maturare la consapevolezza del significato dei nostri incontri quotidiani.
(Pippo Pappalardo)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.